Wine Open Day 2018, conclusa con successo la prima edizione

Si è svolto a Lecce il Wine Open Day 2018, la prima edizione dell’unico evento in Puglia dedicato alla formazione sul vino, organizzato dai Cultori del Vino e con il patrocino dell’Associazione Donne del Vino Puglia.

wine open day 2018Alle Officine Cantelmo, lo scorso 19 giugno circa 100 persone hanno ascoltato i 12 interventi di questa giornata, che hanno illustrato i principali percorsi formativi sul vino attivi in Regione e delineato uno scenario aggiornato sulla comunicazione digitale e il turismo nell’ambito del vino.

Sono stati i Cultori del Vino gli organizzatori del Wine Open Day 2018, ovvero Natalia Pezzone, esperta in vino WSET 3 e Nicola Centonze, enologo libero professionista. I giovani, che non hanno usufruito di finanziamenti pubblici o privati per l’organizzazione dell’evento, hanno spiegato com’è nata l’idea di dedicare un’intera giornata alla formazione sul vino in Salento.

Quando sono arrivata in Puglia – ha spiegato Pezzone – dopo anni di vita passata all’estero insieme a Nicola, sapevo di voler cimentare tutta l’esperienza e conoscenza sul vino acquisita negli anni, ma ho trovato un panorama poco chiaro sui percorsi attivi nella Regione. Mancavano – ha aggiunto– alcune qualifiche internazionali e proposte specifiche in lingua inglese”.

Si tratta di due opportunità in questo momento disponibili in Salento grazie proprio all’impegno di Natalia Pezzone, che in meno di due anni anni ha sviluppato un corso sul vino in inglese e organizzato i corsi WSET Puglia.

Sfoglia il programma del Wine Open Day

Sommelier AIS, FIS e FISAR in collaborazione

Ad aprire i battenti è stato Aldo Specchia, responsabile della didattica dell’Associazione Italiana Sommelier – AIS Lecce, che ha spiegato come si svolgono le loro numerose proposte formative, seguito da Rosario Calcagnile, fiduciario Fondazione Italiana Sommelier – FIS Lecce, che ha parlato delle iniziative FIS.

Di seguito, entrambi i relatori si sono alternati per costruire insieme un panorama completo sui percorsi sommelier in Puglia, individuando in totale sintonia le uguaglianze e differenze delle due proposte.

Successivamente Carlo Iacone, Consigliere Nazionale per la Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori (FISAR), dopo illustrare le proposte della Federazione in Italia, ha esortato le tre scuole di sommelier del Salento a lavorare insieme, creando sinergie in grado di migliorare ancora le proposte formative nella nostra Regione.

Un momento storico”, come definito dallo stesso Iacone, è stato quello che si è verificato in seguito, quando i rappresentanti AIS e FIS hanno aderito alla proposta FISAR, accettando di unire gli sforzi di tutte le scuole di sommelier salentine, a beneficio di tutta la comunità. “Siamo in concorrenza e non in competizione”, hanno affermato Specchia, Calcagnile e Iacone, in quanto concorrenza implica “correre insieme” verso una meta e non contro.

La mattinata del Wine Open Day 2018 è finita con un intervento tanto esaustivo come interessante di Giuseppe Pomo, delegato per la BAT dell’Organizzazione Nazionale di Assaggiatori di Vino (ONAV).

Sommelier Puglia

Formazione sul vino e scuola

Nel pomeriggio Francesco Muci, delegato Slow Wine Puglia, ha parlato del mangiare e bere sano nel Salento, spiegando ai presenti i diversi corsi e iniziative di Slow Wine, tra cui il progetto del “bere consapevole” pensato per le scuole.

Anche la “Donna del Vino” Anna Gennari nell’intervento successivo ha parlato di formazione sul vino nelle scuole che porta avanti l’Associazione delle Donne del Vino Puglia. La Delegata dell’Associazione per la Puglia, Marianna Cardone, ha invece raccontato le proposte formative sviluppate in partnership con Wine Meridian – Wine People, che riguardano sia il management dei consorzi di tutela sia il marketing e la comunicazione sul vino.

Corsi internazionali sul vino in Puglia

Sono due, quindi, i percorsi formativi internazionali sul vino in Puglia, sviluppati e presentati da Natalia Pezzone durante il Wine Open Day di Lecce. Insieme a Elaine Waites, docente madrelingua inglese, hanno creato e raccontato ai presenti i dettagli di Wine Talks, l’unico corso di vino e di inglese in simultaneo in Puglia che si svolge presso la scuola di inglese The Hub Lecce.

Di seguito, Pezzone ha illustrato ai presenti le qualifiche internazionali del WSETWine & Spirit Education Trust, i cui corsi vengono organizzati in Puglia proprio da lei stessa insieme alla scuola Wine Academy Italia. L’insegnante ha approfittato per presentare il WSET 3 che si terrà il prossimo inverno a Tenute Rubino, proposta che si aggiunge al WSET 2 in programma per settembre a Castello Monaci.

Più info sui Corsi WSET Puglia

Comunicazione digitale ed enoturismo

Il Wine Open Day 2018 ha voluto dare rilevanza ai social media e web marketing sul vino, nonché alla figura del wine influencer.

Ad illustrare il lavoro quotidiano di chi si occupa di social e marketing del vino sono state Miriam Torrente, docente esperta di social media marketing, insieme a Greta Persano, responsabile marketing di Conti Zecca. Sulla figura del wine influencer, invece, ha intervenuto Diletta Quarta Colosso, esperta del settore che conta nel suo portfolio aziende del calibro di Pasqua, Tannico e Signorvino.

La giornata, infine, si è conclusa parlando di enoturismo insieme a Mary Roberta Rossi, referente BTM PugliaPaola Puzzovio, responsabile BTM Gusto; le due relatrici hanno raccontato le principali iniziative di BTM nonché dando esempi di esperienze di qualità nell’ambito dei wine tours e visite in cantina.

Guarda tutta la gallery fotografica dell’evento

Wine Open Day 2018: sinergia e formazione continua

Dalla prima edizione del Wine Open Day Lecce è emersa una prima conclusione: è necessario creare sinergie. Tutti i relatori hanno affermato che solo lavorando in collaborazione sarà possibile potenziare le proprie iniziative e arricchire ancora di più le proposte formative sul vino pugliesi.

In alcune occasioni sono state menzionate diverse partnership già attive, come la collaborazione FISAR nelle Guide Slow Wine, oppure alcune iniziative delle altre regioni da rplicare in Puglia, come ad esmpio l’AIS Veneto che propone corsi WSET.

Sviluppando percorsi coordinati ed articolati, sarà possibile perfezionare ancora il già ottimo livello di formazione sul vino in Puglia.

In più, è necessario continuare la propria formazione;non è possibile pensare che una qualifica acquisita tempo fa basti per rimanere aggiornati e competitivi, soprattutto nell’ambito della formazione internazionale e in lingua straniera.

Non bisogna mai smettere di studiare, – ha concluso Natalia Pezzone – anzi, bisogna continuare a formarsi sempre, perché non venga poi nessun Briatore a dire che in Puglia non siamo preparati professionalmente”.

Conclusi gli interventi, si è tenuta una degustazione offerta dalle Cantine Paololeo, Tenute Rubino, Conti Zecca e Castello Monaci.

wine open day salento

Condividi con altri Cultori del Vino!

No Replies to "Wine Open Day 2018, conclusa con successo la prima edizione"


    Got something to say?

    Some html is OK